Piranesi la meraviglia di Susanna Clarke

Un paio di settimane fa, le mie amiche mi hanno rapita per un addio al Nubilato a sorpresa che mi ha fatto piangere, ridere, emozionare e anche un po’ arrossire (ahimè sono una ragazza mooooolto timida). Verso la fine, le ragazze (che a quanto pare mi conoscono mooooolto bene) dopo un lungo aperitivo, un’abbuffata di sushi, una “sfilata” a Milano a Piazza Duomo e una visita delirante alla bellissima e divertente mostra “Beautifull Gallery”, mi hanno trascinata in libreria dicendo “entra e prendi quello che vuoi”. Oltre al fatto che mi sentivo tipo una pallina in un flipper, stordita dopo una giornata di risate e bagordi, sono uscita con una serie di libri che puntavo ormai da tempo tra i quali, il secondo romanzo di Susanna Clarke: Piranesi.

Che dire, l’ho divorato in pochissimi giorni! Il suo punto di forza è sicuramente l’ambientazione: una Casa, un Mondo, un Labirinto, un luogo che prende vita pagina dopo pagina con forza e che è capace di affascinare e intimorire allo stesso tempo.
Questo mondo ci viene descritto da Piranesi, il protagonista, attraverso i suoi diari e man mano che la storia prosegue ecco che, oltre a scoprire nuovi luoghi e nuove stanze, arriviamo a scoprire un po’ più di lui fino a raggiungere quella verità che lui stesso aveva dimenticato.
Un’opera bellissima che mi ha davvero incantata e che consiglio davvero di leggere.