True Identity: la mia nuova avventura.

Cinque anni di lavoro, tante ore al computer e un’infinità di emozioni ed esperienze. Questo è “True Identity” il romanzo in cui ho riversato molto di me e nel quale ho voluto raccontare la mia visione della scrittura, mostrare quanto essa possa essere potente, dare coraggio e diventare parte della vita di una persona.

Questo romanzo però, rappresenta anche una nuova sfida, un’avventura che renderà questo romanzo anche di tutti coloro che vorranno sostenermi e prendervi parte.Recentemente, sono stata infatti scelta dalla casa editrice “BookaBook”, editore in crowdfunding che mira a pubblicare opere di qualità proprio grazie alle loro campagne. Obbiettivo: 250 copie in 100 giorni, giorni durante i quali vi racconterò un po’ di più di “True Identity” e di ciò che ha rappresentato per me. 

Per chiunque fosse interessato a leggere un’anteprima, ecco il link della campagna: https://bookabook.it/libri/true-identity/

Trama: 

Molti scrittori hanno l’impressione che i loro personaggi gli parlino e che prendano vita mentre scrivono di loro e delle loro vite. Amy De Spiriti invece vede e parla fin da bambina con Hank, il protagonista di Identity, il romanzo distopico per il quale è diventata famosa come scrittrice. Era molto piccola infatti quando conobbe uno strano bambino proveniente da New Eden, un mondo dove gli Alti, umani dotati di una lunga vita, dominano su quelli come lui, i Braccianti, ai quali non è concesso nemmeno avere un nome. Unica loro speranza è la Trasmutazione, rito di passaggio attraverso il quale a pochi loro viene concesso di entrare a far parte degli Alti e vivere una vita migliore. Incuriosita da quel bambino, Amy gli fa dono del nome “Hank” e decide di tenere segreta la loro amicizia. Così i due crescono insieme, condividendo pensieri ed emozioni nonché l’amore per libri e fumetti. Negli anni però, entrambi sono costretti ad affrontare la propria realtà. Per Hank vuol dire prendere consapevolezza degli orrori che si celano dietro alla Trasmutazione e alla guerra che imperversa in segreto nel suo mondo. Per Amy significa invece cominciare a vivere davvero il suo crescente amore per la scrittura e, allo stesso tempo, cercare di reagire alle umiliazioni e alle violenze da parte dei bulli a scuola nonché all’ottusità dei genitori che la vorrebbero più spensierata e simile alle sue coetanee. Nonostante il sostegno dell’amico però, tutte le sue sicurezze finiscono con lo sgretolarsi e il dubbio, che per anni era rimasto nascosto dentro di lei, comincia a farsi avanti: Hank e il suo mondo sono reali? Il suo amico esiste o è solo frutto di una mente troppo fragile per affrontare la vita vera? Sarà il dolore di una perdita improvvisa a porla davanti a una scelta: affrontare un dolore e un rimorso troppo grandi da sopportare e accettare la propria diversità nonostante tutto oppure rinnegare l’esistenza di Hank e abbandonare la scrittura rinunciando alla propria identità e, forse, alla sua stessa vita

Con la speranza che questa mia nuova storia possa darvi tutto quello che ha già saputo donare a me.

 

 

 

Annunci

2 thoughts on “True Identity: la mia nuova avventura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...